CONTINUA LA PROTESTA DELLE EMITTENTI EMITTENTI LOCALI Mag31

Tags

Articoli correlati

Condividi

CONTINUA LA PROTESTA DELLE EMITTENTI EMITTENTI LOCALI

CONTINUA LA PROTESTA DELLE EMITTENTI EMITTENTI LOCALI CONTRO IL DECRETO  AMMAZZA EMITTENTI

IL 21 GIUGNO FESTA DELLA MUSICA

“UN MINUTO DI SILENZIO RADIO-TV ALLE ORE 12.00”

450 TV E 1100 RADIO SPEGNERANNO I TRASMETTITORI

SCARICA IL VIDEO DELLA MANIFESTAZIONE DEL 30 MAGGIO A MONTECITORIO E METTILO IN ONDA

https://youtu.be/7tH5h-JaBDY

  • Oltre al noto scippo delle frequenze delle emittenti locali effettuato dai precedenti governi per regalarle alle grandi Reti nazionali e ai telefonici;
  • Oltre ad aver confinato le emittenti locali sugli ultimi numeri del telecomando;
  • Oltre ad aver soppresso le provvidenze riservate all’editoria radiotelevisiva locale;
  • Oltre ad aver soppresso tutti i tavolo di dialogo con le Associazioni di categoria
  • Oltre ad aver compresso il diritto d’informazione locale con leggi e regolamenti repressivi;

└         Oltre alle azioni poliziesche di alcuni Corecom e Ispettorati Territoriali

SIAMO ALL’ULTIMO ATTO

Il Governo Gentiloni ha varato un decreto   legislativo “Ammazza Emittenti Locali”  con il quale introduce un Regolamento che, se attuato, regala pi¨ di 100 milioni di euro per anno a circa 40 emittenti collegate direttamente o indirettamente alla politica o ai grandi gruppi della economia e della finanza facendo morire le rimanenti emittenti locali che, giorno per giorno, lottano per la libertÓ d’informazione e di stampa sul territorio

IL DECRETO  GENTILONI NON DEVE PASSARE

La REA invita i Parlamentari e i componenti delle Commissioni Parlamentari competenti a non avallare la strategia governativa neoliberale che vorrebbe consegnare in poche mani i mezzi di comunicazione del Paese per omologare l’informazione radiotelevisiva mirata a manovrare le masse a proprio piacimento.